Mettete dei fiori nei vostri rifiuti!

Mettete dei fiori nei vostri rifiuti! 💐🌼🌸🌹
(semi cit. di un famoso slogan degli anni 70!) Sono sempre stata attratta dal design e dal packaging dei beni di largo consumo come i detersivi e dalla loro evoluzione grafica nel corso degli anni: li ho sempre trovati molto accattivanti. Quindi ho pensato di prenderne alcuni, togliere loro le etichette, lavarli e poi dipingerli per ridare loro una vita più lunga e più sana, ospitando dei fiori! 😍

Ciascuno di loro porta il nome di un sentimento o di un modo di essere (amore, gentilezza, gratitudine e gioia) perché mi piacevano il nonsense e il surrealismo generati dall’associare quello che in assoluto non si può comprare, come i sentimenti, a dei contenitori che per antonomasia sono invece associati a ciò che si vende e si compra.
Se i sentimenti fossero in vendita, li compreremmo? Avrebbero lo stesso valore? Temo proprio di no, sarebbe un totale scenario distopico e decisamente inquietante: per fortuna tutto quello che conta non è in vendita!!! 😍❤️✌️

Insieme a tutti gli altri vasi che ho dipinto, li puoi trovare qui: https://shop.silviazacchello.com/categoria-prodotto/oggettistica/vasi/

Il mio logo!

Finalmente ho il mio logo! 😍
Erano anni che provavo a realizzarlo, mi concentravo sempre sulla mie iniziali o sulla stilizzazione grafica dei miei strumenti di lavoro, ma non riuscivo mai a trovare una soluzione che mi piacesse. Finché ho capito che sia graficamente che concettualmente il centro e il trait d’union di tutto per me era la V in mezzo al mio nome, SilVia.
Perché la V? ✔️Perché è la V di Venezia: io sono nata, ho studiato e risiedo nel comune di Venezia! Studiare in una città come Venezia in particolare, significa accomunare continuamente il sapere alla bellezza. E riempirsi gli occhi di bellezza significa poi riuscire a scovarla anche dove apparentemente non c’è!
✔️Perché è la V di Vintage e tutto il mio lavoro è sempre stato “impregnato” di vintage! Amo tutto quello che ha una storia a e amo poter ridare nuova vita ad oggetti che altrimenti andrebbero buttati o risulterebbero anonimi. ✔️Perché è la V di Valore e credo fortemente nel profondo valore che assume ogni lavoro artigianale, dipinto a mano nel mio caso, fatto con le mani in generale, grazie ad abilità e competenze approfondite, tramandate, studiate con passione.

I colori che ho scelto li sento particolarmente miei: il “contenitore” è un turchese che vira verso l’ottanio. È un colore che trasmette calma e tranquillità, perché chiunque mi conosce solitamente mi descrive così: tranquilla! È la mia indole e lo riconosco! Chi mi conosce molto bene però sa, talvolta a sue spese 😂🙈, che sotto il calmo involucro turchese ribolle il mio fuoco: il mio giallo e il mio rosso sono, come in tutti gli introversi, caratteristici di una vivacità più interiore che visibile dal di fuori. Sono calma fuori ma non tanto dentro, ma si tratta quasi sempre di una piacevole e stimolante inquietudine che mi sprona di continuo!
L’insieme che ne viene fuori mi ricorda un po’ una vecchia tv, vintage per l’appunto, con due antennine che contengono due brevi didascalie.
Avrei potuto far fare il logo da un grafico e sono sicura l’avrebbe fatto molto meglio, è un lavoro difficile ed è giusto che lo faccia chi ha le giuste competenze al riguardo, però ci tenevo che, seppur imperfetto, fosse mio in tutti i sensi! 😍

W i libri!

Oggi è la Giornata Mondiale del Libro e arriva una sedia carica carica di…libri!

La cosa che ho amato sempre di più della lettura è la capacità che ha di poterti condurre ovunque. Nel momento in cui ti immergi in un libro le tue coordinate spazio-emotive-temporali si annullano e si ricalcolano in base a ciò che stai leggendo.
Mi sono così ritrovata spensierata a piedi scaldi in un kibbutz israeliano, poi seduta con Che Guevara dietro la sua motocicletta nei suoi viaggi giovanili e poi a vagare in carrozza nella Londra Vittoriana con un abito cremisi. Sono stata un soldato e ho provato paura e freddo nelle trincee in una guerra raccontata da McEwan , ho detestato i maiali de La Fattoria di Orwell nonché il narcisismo del seduttore in Donato Sarratore ne L’amica geniale, ho provato infinita pena per le vicende dei desaparecidos della Allende, ero in mezzo ad un corteo nella Primavera di Praga con Kundera, ho scoperto che tutte le famiglie sono dei sistemi complessi, da quelle russe di Tolstoj a quelle americane di Franzen e Roth, ma che ciascuna ha il suo Lessico famigliare che la rende comunque unica e speciale, come ci ha insegnato Natalia Ginzburg.
A volte ho riso molto e alcune volte ho persino pianto, spesso ho scoperto inediti punti di vista che mi hanno illuminata. Perché la lettura ti porta altrove ma per poi ricondurti a una versione di te sempre più consapevole e attenta!
Ha solo una controindicazione: crea, fortunatamente, una forte dipendenza!!! ✌️

La storia di Simone

La storia di Simone.

Il 7 febbraio 2018 è stato l’ultimo giorno di vita di Simone, un bellissimo ragazzino di 14 anni, che ho avuto la fortuna di conoscere quand’era un bambino vivace ma educato e che ci teneva sempre a chiamarmi per nome.
La cosa, se possibile, ancora più dolorosa e inaccettabile di questa vicenda è il fatto che Simone ha perso la vita per una sorta di gioco/sfida che gira in rete, di cui noi adulti ignoriamo l’esistenza ma che invece pare gli adolescenti conoscano molto bene.

Daniela, la mamma, con estrema forza, tenacia e amore, ha raccontato la storia del suo adorato Simone (corredata da testimonianze e interventi di psicologi e insegnanti) e ha fatto stampare questo libro che verrà distribuito e presentato nelle scuole perché possa servire come monito per i ragazzi, gli insegnanti e i genitori, affinché episodi del genere possano essere conosciuti e così evitati e combattuti sul nascere. Perché l’adolescenza è un periodo delicatissimo dell’esistenza, ci si crede grandi e onnipotenti, quando si è invece poco più che bambini spaesati e ancor più fragili, in balia di tutto e senza ancora gli strumenti per far fronte a tutto.

Quando ho saputo quello che era successo a Simone sono andata alla cerimonia di addio ma non ho avuto il coraggio di avvicinarmi ai suoi genitori, temevo di essere invadente e fuori luogo. Una volta rientrata a casa però me ne sono dispiaciuta molto e ho cercato di rintracciare la mamma via Facebook, almeno per donarle un micro pezzettino del suo Simone attraverso il mio ricordo di lui. Lei mi ha subito rassicurata dicendo che non sarei stata affatto invadente andando ad abbracciarla e dicendo che di sicuro un giorno, casualmente, ci saremmo riviste. Poco prima di Natale infatti, così è stato. Daniela stava già scrivendo la storia di Simone, insieme è nata anche l’idea che avrei potuto disegnare e dipingere qualcosa in memoria di Simone da inserire nel suo libro. Così eccone la copertina e una decina di illustrazioni all’interno.
Non mi sono mai cimentata con l’illustrazione di libri, ma giuro, c’ho messo tutto il cuore.

Un GRAZIE a Daniela e Mario, splendidi mamma e papà di Simone, che mi hanno lasciato tutta la libertà di esprimermi come meglio credevo, dandomi piena fiducia e affetto, e che mi hanno dato in dono questo braccialetto che indosso con estrema gratitudine e fierezza ❤️

La sedia del Comandante!

L’unica cosa che so dell’origine di questa sedia è che proviene da una nave ed era la cosiddetta Captain’s Chair, la sedia del comandante. Dal design suppongo sia di origine svedese o comunque nord europea.
Aver visto Titanic svariate volte probabilmente mi ha un po’ influenzato nell’immaginare il contesto in cui questa sedia si trovava, però ho voluto decorarla rispettando le sue origini e la sua storia. Ecco che allora ho scelto 4 colori per dipingerla:
– L’Azzurro delle onde del mare
– il Rosa di animali e vegetazione esotici
– il Giallo del sole
– il Rosso di meravigliosi tramonti visti da una nave in mezzo al mare.

E poi, sopra i suoi colori, un po’ come fosse un vecchio marinaio ⚓️ che, secondo la tradizione, ad ogni nuova partenza doveva farsi un tatuaggio, ho voluto “tatuarle” una frase: YOU ARE STRONGER THAN YOU THINK!
Ovvero, “sei più forte di quello che pensi!”.
Perché: è proprio quando pensiamo di non farcela più e di non avere più alcuna forza e possibilità, che incredibilmente troviamo risorse che non pensavamo di avere e ci scopriamo più forti di quanto pensassimo!
Come una sedia che, dopo aver solcato oceani e aver affrontato intemperie e tempeste in mare aperto, dopo esser passata di mano in mano, pensava fosse finita la sua storia…e invece no!! Eccola a nuova, impensata e colorata vita!!! 💪✌️

…e la puoi trovare cliccando qui!

Marina e Ulay

Ho ribattezzato questa mia sedia “Marina e Ulay”, dopo aver letto l’incredibile autobiografia di Marina Abramović, forse la più grande e famosa artista contemporanea, la “nonna della performance art”, come si definisce lei.
Lei e Ulay, compagni nella vita e nel lavoro per 12 anni, a un certo punto decisero di fare questa performance: avrebbero percorso la Grande Muraglia Cinese partendo dai due lati opposti (dato che il fuoco è il simbolo del principio maschile e l’acqua di quello femminile, Ulay sarebbe partito dal deserto e Marina dal mare) e incontrandosi a metà strada, si sarebbero sposati.
Solo che anni dopo, nel momento in cui la performance finalmente, a seguito di innumerevoli problemi burocratici, avrebbe dovuto aver luogo, Marina e Ulay insieme non stavano più. Eppure decisero comunque di compiere il cammino, non per incontrarsi e celebrare il loro amore, ma solo per per incontrarsi e dirsi addio.
Può sembrare una storia triste, ma è soprattutto una storia di rinascita e del suo cammino doloroso ma consapevole e necessario. Si nasce piangendo e soffrendo, allo stesso modo si rinasce nel corso della vita, e nonostante tutto il dolore, è sempre un miracolo ❤️
Così scrive Marina:
“Le risposte che mi piacciono di meno sono quelle da cui imparo di più” 🙏

Nella mia sedia mi è sembrato di rivedere metaforicamente il loro cammino l’uno verso l’altra, il principio femminile verso quello maschile, separati eppure uniti dallo stesso dolore e dallo stesso scopo.

Nella seconda foto l’incontro sulla muraglia cinese di Marina e Ulay, nel 1988, dopo tre mesi di cammino.

Per vedere meglio la mia sedia puoi cliccare qui

Le spedizioni riprenderanno regolarmente dal 1 settembre! SCONTO del 15% sul primo ordine con il codice BENVENUTO QUI Ignora

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: